MANUSCRIPTUM

ONIR

 

CON QUALE PROCESSO SI DEBBA ESTRARRE IL MERCURIO DEI FILOSOFI DAI TRE REGNI
Capitolo XXVIII

Dal regno animale si estrae dapprima il sale volatile a partire dal sangue umano oppure dall'urina umana per distillazione secondo il metodo consueto. Dal regno vegetale si ottiene comunemente il sale di tartaro  per calcinazione e soluzione nell'acqua chiara finché con soluzioni ed essiccazioni multiple non si ottenga un sale di tartaro perfettamente bianco che occorre sciogliere in aceto distillato finché non possa più bere interiormente l'aceto; allora questo sale impregnato di spirito di aceto, o spirito di vino sublima e diventa volatile.
Questo sale volatile reso perfettamente puro deve essere mescolato con sale volatile animale e con spirito acido minerale estratto secondo l'uso abituale, così questi tre corpi puri mescolati insieme si trasformano in mercurio per circolazione e si trasformano in acqua o liquido alkaest. Questo liquido è interamente spirituale e costituisce il puro e splendente mercurio dei tre regni, il solo che può essere usato per condurre l'alchimia al suo completamento. Così si trova realizzato il segreto e la totalità dei metalli sono ridotti in materia prima in modo tale che si veda e si riconosca perfettamente ciò che è contenuto nel cuore di tali metalli.
Molte cose sono state dette su questo liquido alkaest dagli autori chimici moderni, ma molto poco da Paracelso: Egli dice infatti che il liquido Alkaest è mercurio preparato in modo che il suo centro sia alla superficie e che la superficie del mercurio sia al centro. Così ciò che è nascosto nel mercurio verrebbe reso manifesto e ciò che è manifesto in questo stesso mercurio verrebbe celato.
Così gli elementi nascosti del mercurio vengono trasformati in elementi manifesti: l'alchimia non cerca altro.